top of page

Che cosa faccio esattamente?

Questo post è stato ispirato da un fatto che mi è accaduto la settimana scorsa. Vi racconto una breve storia. Ho inviato un'e-mail a una prestigiosa scuola internazionale della mia zona, chiedendo se fossero interessati a che io venissi a tenere uno dei miei workshop per i loro alunni, che, per la maggior parte, parlano l'inglese come seconda lingua. Ho un'amica che lavora lì e mi ha detto che molti alunni che entrano nella scuola in seconda, terza e quarta elementare spesso hanno più difficoltà con l'inglese rispetto a quelli che iniziano a 3 anni. Questo è logico, quindi ho pensato: "Ehi, forse qualche genitore sta cercando qualcuno che aiuti i suoi figli ad acquisire un po' di sicurezza in più con l'inglese". Ho ricevuto una risposta del tipo: "Grazie per la sua offerta, ma i nostri alunni studiano già in inglese, quindi i suoi servizi sono probabilmente più adatti agli alunni che stanno imparando l'inglese come seconda lingua".


Mi sono detta... beh... sì, certo... ma gli alunni della vostra scuola non stanno forse imparando l'inglese mentre crescono e studiano?


Mi sentivo come se fossi stata etichettata come "un'altra insegnante ESL che cerca di sopravvivere insegnando lezioni dopo la scuola". Poi mi è venuto in mente che forse quello che io penso di fare e quello che gli altri pensano che io faccia possono essere due cose molto diverse! Quindi, se sei curioso di sapere qualcosa di più su ciò che faccio davvero con i tuoi figli (o su ciò che potrei fare con i tuoi figli), ecco tutti i dettagli!


Ehi, grazie per leggere il mio blog! Solo una nota, non sono italiana (meno male che insegno inglese, no?), quindi se trovi degli errori o delle frasi strane nella traduzione italiana, mi dispiace! Spero che la lettura ti piaccia comunque! Grazie per la comprensione :)

 

Ciao, sono Claire e io...

SI...

NO...

Dedico tutto il mio tempo ad aiutare bambini e ragazzi a migliorare il loro inglese.

insegnare come lavoro secondario, solo per avere qualche soldo in più.

aiutare i bambini e i giovani teenager a sviluppare la fiducia nella loro conoscenza dell'inglese parlando con loro e permettendo loro di parlare con me.

stressare i miei alunni dando loro voti e test.

aiutare i bambini e i ragazzi a sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti dell'apprendimento dell'inglese, in modo che quando saranno più grandi e dovranno migliorare le loro competenze per la scuola o il lavoro, non avranno blocchi mentali negativi nei confronti dell'apprendimento.

far memorizzare ai miei alunni infinite liste di vocaboli o tabelle grammaticali, o far scrivere loro liste di 20 frasi che usano il verbo "essere".

mostrare ai bambini e ai ragazzi che la perfezione non è tutto, ma che lo è la capacità di comunicare.

Mi arrabbio quando i miei alunni sono stanchi, distratti o dimentichi. Cambio attività e li riporto a bordo con me. Tutti noi abbiamo delle "giornate no".

mostrare ai bambini e ai ragazzi che l'inglese ha moltissime applicazioni pratiche e utili nella vita di tutti i giorni.

insegnare in modo unilaterale (insegnamento a senso unico). Si, insegno coinvolgendo i miei studenti nel loro apprendimento.


Quindi, sì, sono, per definizione, un insegnante ESL. Ma sono un'insegnante ESL con un grande, grandissimo sogno, che non è quello di finire la mia giornata lavorativa alle 16:30 o di avere 2 mesi di vacanza in estate. È quello di aiutare il maggior numero possibile di bambini a capire il valore della capacità di comunicare in una seconda lingua. Ho lasciato i contesti scolastici tradizionali perché ero stanca di vedere i bambini costretti a studiare l'inglese in un modo che non aveva senso. Una lingua non si impara da un libro. Una lingua si impara interagendo con altri studenti, parlando con persone madrelingua, giocando, guardando video, cantando canzoni, cucinando e con tutte le altre milioni di cose che facciamo nella nostra vita quotidiana. Ed è quello che faccio nelle mie lezioni e nei miei corsi. Insegnare IN inglese, non solo insegnare l'inglese.

 

Se sei curioso di saperne di più, o se semplicemente ti piace la mia sottile natura ribelle e vuoi sentirmi ogni settimana nella tua casella di posta elettronica, iscriviti alla mia newsletter. È breve, concisa e divertente!



Solo un assaggio di tutto il divertimento che abbiamo avuto nella caccia al tesoro dei colori di sabato. C'erano 7 bambini, dai 5 ai 10 anni, e nonostante la differenza di età e di livello, si sono divertiti tutti insieme!


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page